Carrello

Nessun prodotto

0,00 € Spedizione
0,00 € Totale

Carrello Pagamento

Proseguendo la navigazione sul nostro sito, accetti l'uso dei cookies per permettere il miglioramento della tua navigazione

close
Elettrodi rutili saldatura ACCIAIO DOLCE (Ferro)


Elettrodi Rutili per la saldatura dell'acciaio dolce (ferro)

Ci sono 13 prodotti nella categoria Elettrodi rutili saldatura ACCIAIO DOLCE (Ferro).
❰❰ Torna alla categoria principale



Elettrodi rutilici: scegli l'elettrodo giusto

Quando si tratta di scegliere un elettrodo rutilico nascono sempre numerosi dubbi, diverse domande e moltissime perplessità. Talvolta anche coloro che sono esperti della saldatura si ritrovato dinnanzi a una grande difficoltà nel riuscire a scegliere l'elettrodo giusto. Eppure, di base non è affatto così difficile come potrebbe inizialmente sembrare. Ciò che serve è ritagliarsi un po' di tempo e riuscire a capire quali sono i vari fattori di scelta.

Elettrodi rutilici: a cosa servono e perché sono importanti

La saldatura dei metalli è un processo fisico-chimico complesso a cui partecipano vari composti chimici. La qualità della saldatura dipende in gran parte dal rivestimento utilizzato negli elettrodi: più bassa sarà la qualità di rivestimento dell'elettrodo e minore sarà la qualità di tutto il lavoro. L'elettrodo è progettato per proteggere il bagno di saldatura dai gas atmosferici. Inoltre ti permette di creare una giuntura con le proprietà desiderate. Questo, a sua volta, è necessario per offrire al saldatore la possibilità di realizzare dei lavori ben curati da ogni punto di vista.

Tutti gli elettrodi per saldare ferro e acciaio sono realizzati secondo lo stesso principio: uno speciale rivestimento viene applicato su un'asta di metallo di una lega speciale. Di norma, dove verranno utilizzati gli elettrodi di questo tipo dipende dal tipo di rivestimento. Come puoi ben intuire, al giorno d'oggi esistono tantissime alternative di questo genere sul mercato.

Gli elettrodi rivestiti per saldatura ferro in rutilo sono progettati per la saldatura ad arco manuale. Il rivestimento è costituito principalmente da biossido di titanio. Ciò consente di ottenere saldature di alta qualità e influisce positivamente sull'intero processo di saldatura. Tuttavia, come si può ben intuire sin da subito, scegliere un buon elettrodo di questo tipo non è affatto così facile come potrebbe sembrare a prima vista. Bisogna tenere in considerazione diversi fattori e, talvolta, anche adattarsi ai cambiamenti del mercato.

Perché gli elettrodi in rutilo sono così popolari?

Gli elettrodi rutilici sono considerati tra i migliori. Hanno una serie di vantaggi, grazie ai quali un saldatore con qualsiasi esperienza può svolgere una saldatura uniforme e di alta qualità. Tutto ciò che serve è un po' di attenzione prestata ai più piccoli dettagli.

  • Gli elettrodi di questo tipo possono essere utilizzati sia in corrente alternata che in corrente continua. In ogni caso, l'arco di saldatura mantiene la stabilità alla combustione.
  • È possibile saldare composti metallici rivestiti con un piccolo strato di primer.
  • Ideale per l'uso durante le saldature corte o in luoghi scomodi. L'arco si accende facilmente e altrettanto facilmente si accende ripetutamente.
  • Permette di formare una saldatura con un'elevata resistenza agli urti. Ciò è possibile grazie alla maggiore alcalinità delle scorie.
  • La saldatura rutilica ha un'eccellente durata e resistenza alla fatica. Anche in caso di esposizione prolungata a carichi alternati, mantiene le sue qualità.
  • Durante la saldatura con elettrodi rutilici per saldare ferro è caratteristico un basso rapporto di spruzzi. Ciò rende il processo di saldatura più conveniente per il saldatore.
  • È conveniente riutilizzare l'elettrodo. Al termine della saldatura sulla punta dell'asta rimane una fuliggine che non deve essere pulita (diversamente da altri tipi di rivestimento). Il carbonio dell'elettrodo rutilico è un semiconduttore, quindi puoi continuare a lavorare senza ulteriori problemi.
  • Meno danni alla salute. Durante la combustione del rivestimento del rutilo, non vengono rilasciate sostanze pericolose. Pertanto, vi è un impatto meno negativo sul sistema respiratorio del saldatore.

Caratteristiche del rivestimento rutilico

Gli elettrodi per saldare ferro e acciaio con questo tipo di rivestimento possono spesso essere di due tipi principali: E42 ed E46 (secondo lo standard statale). Il tipo deve essere indicato sull'etichetta della confezione.
Il metallo saldato con elettrodi di tipo E42 presenta le seguenti caratteristiche tecniche:

Resistenza alla trazione - 410 MPa;

Allungamento relativo - 22%;

Resistenza all'urto - 80 J / cm2.

La saldatura con gli elettrodi E46 ha degli indicatori più durevoli:

Resistenza alla trazione - 450 MPa;

Allungamento relativo - 20%;

Resistenza all'urto - 147 J / cm2.

Nella produzione di elettrodi rutile, viene utilizzato un filo di saldatura a basso tenore di carbonio (SV-08 o SV-08A). Viene applicato anche il rivestimento rutilico. Nell'etichettatura di tali elettrodi è presente la lettera "P", che indica il tipo di rivestimento. Di norma, dopo la lettera "P" seguono sempre due numeri:

  • Il primo indica in quali posizioni spaziali è possibile eseguire la saldatura. La maggior parte degli elettrodi rutili può essere cotta in qualsiasi posizione.
  • Il secondo indica il tipo di corrente di saldatura: alternata o costante, la sua polarità e la tensione a circuito aperto.

A seconda dei produttori e delle varie modifiche, la composizione del rivestimento del rutilo può variare leggermente. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, la composizione è la seguente:

  • Concentrato di rutilo (biossido di titanio) - 48%.
  • Feldspato - 20%.
  • Ferromanganese - 15%.
  • Magnesite - 15%.
  • Destrina - 2%.

Alcuni tipi di elettrodi rutile possono contenere anche elementi aggiuntivi: ad esempio la cellulosa. Molto varia proprio in relazione al produttore, in quanto i diversi brand che si occupano della produzione di elettrodi rutilici potrebbero inserire a loro volta degli elementi differenti di solito.

Elettrodi a rivestimento rutile: applicazione

Grazie alle sue eccellenti qualità, i rivestimenti in rutilo sono ampiamente utilizzati in varie condizioni ed è considerato uno dei materiali più pratici. Non a caso gli elettrodi rivestiti con questi materiali sono così popolari sul mercato. Elenchiamo le principali applicazioni in cui elettrodi di questo tipo svolgono un ottimo lavoro:

  • Saldatura di strutture in acciaio a basso tenore di carbonio. La composizione chimica del rivestimento consente di lavorare efficacemente con metalli ferrosi e a bassa lega. In tali casi, la saldatura è liscia e senza crepe.
  • Saldatura di tubazioni. Ottimo per riparare tubi che trasportano fluidi. In questo caso, è difficile drenare completamente la superficie di lavoro del metallo. Tuttavia, l'arco di saldatura degli elettrodi rutilici brucia costantemente anche quando gocce d'acqua entrano nella zona di combustione. Questo aiuta a svolgere una saldatura molto resistente.
  • Ampiamente usato per riparare parti o strumenti che si usurano nel tempo. Gli elettrodi rutili consentono di creare una saldatura di notevole spessore nel modo più efficiente possibile.

Elettrodi rivestiti con rutilo: Pro e contro

Rispetto ad altri tipi di rivestimenti, il rutilo presenta numerosi vantaggi:

  • Durabilità di una saldatura. Il metallo saldato non è suscettibile alla comparsa di crepe fredde o calde.
  • Contrariamente al rivestimento acido, l'arco di saldatura del rutilo brucia con corrente alternata intensamente come con corrente continua.
  • Zone facili da lavorare dove sono necessarie delle saldature corte. Se il rivestimento principale richiede il funzionamento continuo della giuntura, poiché l'arco di saldatura è difficile da riaccendere, allora con il rutilo è più facile. L'arco si accende facilmente, mentre la punta dell'asta non ha bisogno di pulire i depositi di carbonio.
  • Non è necessario preparare una superficie di lavoro. Altri tipi di elettrodi sono sensibili all'ossidazione e alla ruggine, causando una saldatura debole. Gli elettrodi a rivestimento rutile consentono di formare una saldatura stabile e resistente, indipendentemente dalla qualità della superficie.
  • Dopo la saldatura, le scorie vengono facilmente separate e la superficie della giuntura praticamente non necessita di rettifica.

Ci sono anche degli svantaggi:

  • Non adatto a tutti i tipi di design. La piccola gamma di metalli con cui è possibile utilizzare questo tipo di rivestimento impone alcune restrizioni al loro funzionamento. Per saldare l'acciaio ad alto tenore di carbonio, tali elettrodi non possono essere utilizzati, il che rappresenta un grave limite.
  • Le proprietà si deteriorano bruscamente con l'aumentare della tensione. Pertanto è necessario monitorare la conformità con l'indicatore nominale.
  • È necessario effettuare dei lavori di preparazione: essiccazione e calcinazione.

Alcune considerazioni da tenere a mente quando si eseguono dei lavori di saldatura:

  • Controllare di che materiale è composto l'elettrodo. Non parliamo del rivestimento, ma del nucleo stesso. Per ottenere la massima qualità di saldatura, il metallo dell'asta deve corrispondere al metallo della struttura da saldare.
  • È anche importante considerare anche lo spessore degli elettrodi. Dovrebbe corrispondere allo spessore del metallo della struttura, sebbene possa essere più spessore o più sottile, che è compensato dalla forza della corrente e dall'abilità del saldatore.

Gli elettrodi di questo tipo necessitano di calcinazione preliminare prima dell'uso. Requisiti di calcinazione comuni: almeno un'ora in un forno a temperature fino a 350 °C.

Questi sono requisiti generali e le istruzioni esatte variano in base al marchio. Alcuni modelli sono debolmente sensibili all'umidità e possono essere calcinati a temperature relativamente basse (fino a 90 °C), oppure potrebbe non essere necessario calcolarli affatto. Sebbene ci siano marchi che possono smorzare e perdere le loro proprietà. L'esatta modalità di calcinazione è indicata dal produttore.

Tipologie di elettrodi rutilici

La classificazione dei prodotti più comunemente usata in base al loro scopo. In base a questo parametro, i prodotti sono suddivisi in:

  • Elettrodi per lavorare con acciai a bassa lega e carbonio.
  • Per lavori con acciai resistenti al calore e ad alta resistenza.
  • Per il lavoro con acciai di alta lega, sono anche "elettrodi in acciaio inossidabile".
  • Per lavorare con alluminio e varie leghe basate su di esso.
  • Per la cottura di rame e varie leghe basate su di esso.
  • Per lavorare con ghisa sue leghe.
  • Per lavori di riparazione e rivestimento.
  • Per lavori con saldature e acciai a struttura indefinita.

Devi sapere con quale polarità e tipo di corrente devi lavorare. La maggior parte dei modelli di inverter genera corrente continua.

Ci sono 3 caratteristiche molto importanti correlate tra loro, vale a dire:

  • Corrente di saldatura.
  • Il diametro del prodotto.
  • Lo spessore dei materiali di lavoro.

Innanzitutto è necessario affrontare la relazione tra il diametro degli elettrodi di lavoro e lo spessore dei materiali lavorati.

Come scegliere gli elettrodi adatti?

Dopo aver analizzato le informazioni di cui sopra, è possibile identificare una serie di criteri di base ai quali è necessario prestare attenzione quando si scelgono gli elettrodi per la saldatura con un inverter.

Innanzitutto, è necessario decidere quali metalli verranno elaborati. L'elettrodo viene scelto in base al tipo di metallo. Se viene eseguita una saldatura responsabile, è meglio acquistare prodotti di qualità da un noto produttore. In secondo luogo, se si deve saldare l'acciaio al carbonio, sarà necessario prestare attenzione alla pulizia della superficie del materiale lavorato. Se il metallo è bagnato o coperto di ruggine sarà necessario usare il rivestimento rutilico.

Come scegliere il diametro dell'elettrodo in base allo spessore del metallo

Quando si sceglie l'elettrodo per saldatura ferro si dovrebbe tener conto della dipendenza del diametro dell'elettrodo dallo spessore del metallo saldato di prodotti ed elementi. Più spesso è quest'ultimo, maggiore sarà lo spessore dell'asta dell'elettrodo. Attieniti a queste indicazioni:

  • con uno spessore degli elementi saldati di 1,5-2,5 mm, lo spessore dell'elettrodo sarà di 2-2,5 mm;
  • con uno spessore di 3 mm - 2,5-3 mm, rispettivamente;
  • a 4-5 mm - 3-4 mm;
  • a 6-10 mm - 4-5 mm.

I valori consentiti della corrente di saldatura variano anche in base al diametro del materiale di consumo. Con valori di corrente aumentati (sempre indicati sulla confezione) e superando gli indicatori di diametro raccomandati, sussistono rischi di formazione di saldature porose nel metallo. Va anche detto che se lo spessore dei prodotti non è superiore a 1,5 mm, la saldatura ad arco manuale di solito non viene utilizzata.

La scelta della corrente di saldatura influisce direttamente sulla qualità della saldatura e sul risultato. Se non viene preparato correttamente, il pezzo in lavorazione durante la saldatura potrebbe semplicemente bruciare o, al contrario, il metallo non si scioglierà fino alla profondità desiderata. Una delle regole chiave è la dipendenza della forza attuale dal diametro dell'elettrodo. Un ruolo importante è anche svolto da:

  • spessore del pezzo;
  • posizione spaziale della saldatura;
  • lunghezza dell'arco;
  • il numero di strati della cucitura.


IL NOSTRO CLIENTE DICE


Hai una domanda?
Rispondiamo via mail 7 giorni su 7!
Ore 8-12 / 14-18 al numero fisso 0444 1466709




Fermer

Vous avez ajouté ce produit dans votre panier.

Continuer ma visite Commander
Afficher mon panier

Newsletter

Restez informé de nos nouveautés, nos promotions..